24 anni di Buttafuoco Storico

L’Oltrepò Pavese territorio di vigne e di identità: testimoni i 16 produttori di Buttafuoco Storico, vino icona di qualità Martedì 11 Febbraio i festeggiamenti di uno dei vini più storici e più rari a testimoniare la qualità del territorio: 70.000 bottiglie all’anno sempre più ricercate in Italia e all’Estero

24 anni di successi e rivincite per il Buttafuoco Storico, il vino icona dell’Oltrepò Pavese che lunedì scorso 11 Febbraio ha festeggiato il compleanno insieme ad appassionati e wine lovers, giornalisti, istituzioni e i suoi 16 produttori. Con l’occasione Armando Colombi, Direttore del Buttafuoco Storico, ha presentato al pubblico la nuova cantina membro del Club: Piccolo Bacco dei Quaroni, di Tommaso Cavalli. Il Presidente del Club Marco Maggi lo accoglie con queste parole: “Tommaso è da sempre un amico e un collega, oggi lo festeggiamo con gioia perché è il simbolo che l’Oltrepò funziona e ha voglia di crescere con qualità. Noi crediamo nelle vigne, e crediamo in un vino che racconta un Oltrepò Pavese dalla forte identità. La nostra forza è l’unione tra noi produttori, la condivisione di valori e intenti che negli anni ci ha portato fin qui”.
Un progetto supportato anche dalle Istituzioni: Regione Lombardia, ERSAF, Camera di
Commercio di Pavia. Presente in sala Alessandro Fede Pellone, Presidente ERSAF, che
esordisce: “Noi di ERSAF e di Regione Lombardia vogliamo supportare questi progetti, il
Buttafuoco Storico è un Consorzio che non solo promuove un vino, ma anche un intero
territorio. Ci auguriamo che tante altre belle realtà dell’Oltrepò Pavese possano fare della
qualità e dell’importanza del territorio il loro business”.
Un marchio privato, sotto la Denominazione di Origine Controllata del Buttafuoco
Il Buttafuoco Storico è parte della denominazione Buttafuoco DOC, riconosciuta
indipendente dal ministero nel 2010. Il Buttafuoco Storico è un marchio privato e
registrato, regolamentato da un rigido disciplinare soggetto a controlli interni su tutta la
filiera: dalla vigna alla messa in bottiglia attraverso analisi tecniche e controlli a campione.
Il Club del Buttafuoco Storico, nato nel 1996 da 11 vignaioli sagaci e coraggiosi, ha
permesso di far conoscere il Buttafuoco al di fuori della provincia pavese e milanese,
raggiungendo anche i mercati orientali e americani. Oggi sono in 16 a collaborare e fare
squadra per raccontare un vino storico, grande icona dell'Oltrepò Pavese.

Canneto Pavese, Buttafuoco © Cristian Castelnuovo

 

Il Club del Buttafuoco Storico

Nato nel 1996, il Club del Buttafuoco Storico è una libera associazione per tutelare il prodotto, vino vincente il cui prestigio è riconosciuto dalla provincia di Pavia all’estero.
Non è incoscienza, né superbia ma consapevolezza di avere tra le mani una grande
possibilità: i vignaioli del Club del Buttafuoco Storico vogliono trasformare un vino della
tradizione in un prodotto nuovo. Un territorio e dei vitigni capaci di competere con i grandi italiani, un gruppo di vignaioli mossi dalla caparbietà, dalla voglia di riportare in auge il nome e la storia del Buttafuoco Storico. Nel 1996 erano in 11 a voler dare una scossa a questa realtà: oggi le 16 aziende conducono insieme un attento lavoro di ricerca, dalle caratteristiche storiche alle vigne più vocate, fanno gioco di squadra nella produzione controllata e certificata, e sono attivi con una moderna e sviluppata comunicazione e promozione del vino prodotto, dando vita ogni anno a 70.000 bottiglie.

Buttafuoco Storico evento – Bottiglie

Un marchio unico, rappresentato dal Veliero del Buttafuoco

Un simbolo unico e non replicabile, intriso nel vetro per distinguerne originalità e
autenticità. E’ il marchio del Veliero, un disegno elegante che si trova solo nelle bottiglie
del Buttafuoco storico e che permette di riconoscerle.
Il Veliero è anche il logo del Club, contenuto in un ovale – botte tipica dell’Oltrepò Pavese,
e sostenuto dalla scritta Buttafuoco. Da qui si dipartono due nastri rossi che rappresentano il Versa e lo Scuropasso, i due torrenti tra cui tradizionalmente si produce il Buttafuoco Storico: la primissima fascia collinare dell’Oltrepò Pavese denominata “Sperone di Stradella“. Una posizione geografica che obbligava i condottieri, i pellegrini ed i mercanti ad attraversarla e che nella storia ha permesso al territorio di diventare grande sbocco commerciale del vino qui prodotto e anche di arricchirsi di nuove conoscenze sul settore.
Fra storia e leggenda Peter Schenk narra che nel 1859 una compagnia di marinai
Austriaci impegnata a traghettare le truppe sul fiume Po, invece di andare in battaglia in
terraferma si ferma a fare strage di botti e bottiglie di un vino locale chiamato Buttafuoco.
Lo scrittore lega questa storia ad un fatto però realmente accaduto: la marina
Austroungarica dopo alcuni anni varò una nave chiamandola “Buttafuoco“. E’ da questo
racconto che il Club del Buttafuoco Storico decide di adottare il veliero come loro simbolo: una grande nave dalle vele infuocate.

No Comments Yet

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi