Un brindisi Diversamente Franciacorta

Diversamente Franciacorta è il motto dell’Azienda Quadra, la realtà della famiglia Ghezzi diretta dal 2008 da Mario Falcetti, agronomo ed enologo con esperienze maturate in Trentino e in Franciacorta, che in Quadra è riuscito a conciliare i due elementi della sua essenza: la ricerca e la direzione d’impresa. La filosofia produttiva di Quadra, frutto di un’esperienza pluridecennale, si focalizza sull’attenzione della materia prima.

Per un brindisi diverso e classico allo stesso tempo l’Azienda propone il QSatèn che stupisce con la sua eleganza e raffinatezza.

Setose, eleganti e raffinate bollicine per questo spumante prodotto con uve selezionate a mano che si abbina perfettamente con primi piatti di mare e carni bianche delicate. Il Satèn firmato Quadra è un vino moderno, ricco di personalità che sa conquistare anche i palati più raffinati.

Sono almeno cinque gli elementi che contraddistinguono il Satèn di Quadra – spiega Mario Falcetti – Tra questi vi è l’utilizzo di percentuali importanti di Pinot Bianco, che rappresenta almeno il 20% dell’uvaggio; l’assenza o il limitato utilizzo del legno nelle fasi di fermentazione e pre-affinamento; una lunga sosta sui leviti (almeno 42 mesi), ben oltre i 24 mesi minimi previsti dal disciplinare; la produzione esclusiva di Millesimato (quindi utilizzo di uve provenienti dalla stessa annata) e l’assenza di liqueur d’éxpedition”.

Quadra pone grande attenzione alla gestione della vigna e delle uve che vengono lavorate con pressature soffici e con tecniche poco invasive sia nella vinificazione che nell’affinamento. Mario Falcetti punta molto sul Satèn e spiega :“I miei vini hanno un motto, quello di essere “Diversamente Franciacorta”. Essi non nascondono segreti o misteri ma sono il frutto di una sedimentazione di esperienze, di suggestioni, di visioni. L’obiettivo è riportare al centro il vino e la sua essenza come espressione di un terroir. Dopo anni orientati eccessivamente al marketing e alla “moda”, credo sia giunta l’ora di riappropriarsi di un’identità del vino più autentica”.

Contrapposto al Satèn troviamo l’ Eretiq dove Mario Falcetti mette al bando lo Chardonnay, scegliendo invece un blend di Pinot Nero e Pinot Bianco. Un Franciacorta unico nel suo genere. “È un vino che esprime tutta la voglia di sperimentare di Quadra e la sua filosofia di esaltazione della materia prima, anche quando questo si traduce in concetti di rottura – spiega Falcetti-. L’elemento centrale di originalità è il Pinot bianco, che proclamo e difendo quale cifra stilistica dei Franciacorta Quadra. Mentre i più lo rigettano, perché ritenuto vetusto, vestigia di un passato che si vuole dimenticare, io considero il Pinot bianco un vitigno capace di emozionarmi ad ogni vendemmia; il mio legame con il Pinot bianco è viscerale e non può essere compreso da chi nella viticoltura è un “parvenu” dell’ultima o penultima ora. Amo definire i miei vini romanici e non barocchi: zero residuo zuccherino, zero Chardonnay, zero compromessi. Eretiq è la sintesi perfetta della nostra filosofia produttiva, orientata all’esaltazione della natura e di ciò che la vigna e il terroir ci offrono”. 

EretiQ Quadra

Ma Quadra non si ferma qui e la sua visione Green ha portato alla creazione del primo Franciacorta Vegan: il Franciacorta DOCG Brut Green Vegan. “È l’ultima frontiera dell’innovazione in ambito enologico. Una serie di scelte coraggiose e un modo di operare senza l’uso di prodotti di derivazione animale hanno trasformato questo vino in una visione: un modo di produrre che rivolge un’attenzione particolare all’ambiente e che si traduce in una produzione a basso impatto in grado di soddisfare anche i palati più esigenti”.

Franciacorta DOCG Brut Green Vegan

Un’evasione sensoriale per brindare in famiglia a Natale o per dare il benvenuto al nuovo anno con un Diversamente Franciacorta per accontentare tutti dagli “eretici” ai vegani dai classici ai sofisticati.Quadra

No Comments Yet

Leave a Reply