Nespresso Edition e l’ 849 Caran d’Ache

Guidati da valori comuni di innovazione, qualità e salvaguardia dell’ambiente, Nespresso e Caran d’Ache hanno collaborato per creare una penna a sfera in edizione limitata con un’estetica senza tempo, fatta di alluminio delle capsule di caffè riciclate. Questa penna si inserisce nel progetto “Second Life“, cominciato da Nespresso nel 2016, che mira a incoraggiare il riciclo dei tappi in alluminio e mostra concretamente che seconda vita possono avere una volta raccolti e riciclati.

849 Caran d'Ache Nespresso Edition
849 Caran d’Ache Nespresso Edition
Nespresso e Caran d’Ache, un’alleanza incentrata sulla sostenibilità

Per questa edizione limitata, le due case svizzere hanno raccolto la sfida tecnica di utilizzo di alluminio riciclato delle capsule Nespresso per creare una lega per preservare le qualità intrinseche del modello 849 Caran d’Ache. Prodotto nei laboratori della Caran d’Ache House di Ginevra, la penna a sfera è vestita con la capsula Dharkan Nespresso blu satinato. Un accessorio di design elegante, trendy e responsabile. “Siamo lieti di essere in grado di collaborare con una casa rinomata come Caran d’Ache e di mostrare al pubblico, in modo tangibile, cosa possono diventare le capsule Nespresso restituite dai consumatori. Oltre ad essere una penna a sfera di qualità “Swiss Made”, è un messaggio forte per tutti i consumatori per dimostrare che la loro partecipazione agli sforzi di riciclaggio delle nostre capsule è essenziale per dare loro una seconda vita, dice Niels Kuijer, direttore di Nespresso Switzerland. “Questa collaborazione è una continuazione della nostra filosofia, di cui sostenibilità, innovazione e creatività sono state parte integrante per oltre 100 anni. Caran d’Ache è entusiasta di essere il partner scelto da Nespresso per la realizzazione di questo progetto unico nel suo genere che ha dato vita a questo bellissimo oggetto di design di tutti i giorni “, aggiunge Carole Hubscher, Presidente della Maison Caran d’Ache.

Un stylo de la marque carandache fabrique avec des capsules de cafe Nespresso recyclees ce mercredi 14 mars 2018 a Moudon en suisse. (©Zingaro Photography)
Un stylo de la marque carandache fabrique avec des capsules de cafe Nespresso recyclees (©Zingaro Photography)
La seconda vita delle capsule Nespresso

Presente in modo naturale e riciclabile all’infinito mantenendo le sue proprietà fisiche originali, in alluminio protegge la freschezza, il sapore e la qualità del caffè Nespresso, senza alcun imballaggio supplementare. Finché vengono raccolte e riciclate, le capsule Nespresso possono letteralmente rinascere in molte forme. Nell’ambito di un approccio sostenibile, Nespresso gestisce da oltre 27 anni il proprio sistema per la raccolta e l’aggiornamento delle capsule in alluminio, al fine di dare una seconda vita a queste ultime.

Le capsule, raccolte continuamente presso 2700 punti di raccolta Nespresso in Svizzera o tramite il servizio di raccolta a domicilio gratuito “Recycling at Home”, vengono inviate a Moudon (VD) dove l’alluminio viene separato dal caffè. I fondi di caffè vengono trasformati in energia rinnovabile e fertilizzante naturale in un impianto di biogas nella città di Valbroye (VD), mentre l’alluminio viene fuso e riutilizzato per realizzare nuovi prodotti. Dopo il Victorinox Swiss Army Knife e il pelapatate Zena nel 2016, la penna a sfera 849 Nespresso è il terzo oggetto iconico e tipicamente svizzero creato con capsule in alluminio riciclato.

849 Nespresso_Box & Capsule
849 Nespresso_Box & Capsule
Nespresso Edition e l’ 849 Caran d’Ache

Classico corpo esagonale e colore blu «Dharkan» e con incisa la frase: « Made with recycled Nespresso Capsules». Packaging ecologico realizzato con cartone riciclato, e riciclabile al 100%, e struttura interna innovativa per evitare l’uso della colla.

Si può acquistare sul sito online Caran d’Ache e su Milano presso lo storico negozio di Ercolessi.

 

No Comments Yet

Leave a Reply